Caffè in gravidanza: da evitare o da moderare?

Uno dei molti luoghi comuni da sfatare in gravidanza riguarda proprio il divieto per le future mamme di bere caffè durante i nove mesi. 

Se anche tu stai già pensando che non riuscirai mai a rinunciare ad almeno una tazzina di caffè al giorno, ecco una buona notizia: la parola d’ordine, come sempre è moderazione. In questo modo potrai continuare a gustare caffè senza pericoli per te e per il tuo bimbo durante la gravidanza. 

In merito, anche diverse ricerche scientifiche hanno definitivamente sdoganato questo falso mito. Insomma, le donne in dolce attesa possono tirare un sospiro di sollievo e continuare a gustare un ottimo caffè senza causare alcun danno.

Ma quanto caffè si può bere in gravidanza?

Bere moderatamente caffè durante la gravidanza non crea problemi al feto e permette alle future mamme gustarselo senza inutili sensi di colpa. 

Tuttavia, se vuoi essere ancora più meticolosa, la quantità precisa che è possibile consumare oscilla dai 200 ai 300 milligrammi di caffeina al giorno, che equivalgono a circa 1-3 tazzine al giorno: questa quantità non è quindi nociva né per le mamme né per il bambino. 

A riprova di questo dato, qualche anno fa è stata condotta una ricerca in Danimarca, nell’Università di Aarhus, che coinvolgeva 1.027 donne, tutte in buona salute e prima della ventesima settimana di gestazione. 

A metà è stato somministrato caffè decaffeinato mentre all’altra è stato dato caffè normale: a ognuna è stato poi chiesto di indicare l’eventuale assunzione di altri alimenti come tè o cola che potessero contenere caffeina. Dalla ricerca è emerso che non esistevano differenze sostanziali tra i figli nati da mamme che avevano bevuto caffè durante i 9 mesi e quelli nati da donne che avevano assunto decaffeinato. 

Nelle parole del coordinatore della ricerca, Bodil Hammer Bech:

“Sono solo le donne che bevono molti caffè ad avere conseguenze sul peso dei neonati o sul momento della loro nascita. Ma non tanto per colpa della caffeina, quanto perché chi beve tante tazzine in genere ha qualche cattiva abitudine in più, cioè fuma e/o consuma alcolici.

Cosa succede se si esagera con il caffè?

La caffeina può attraversare la placenta, quindi un consumo eccessivo può compromettere l’assorbimento di ad alcune sostanze nutritive dal feto oppure causare dei problemi di crescita del feto stesso fino ad arrivare, in casi gravi, all’aborto.

Tale situazione estrema è, però, causata da un consumo molto elevato di caffeina (800 milligrammi al giorno), che peggiora in presenza di alcol e fumo. Come abbiamo detto prima, moderazione e buon senso sono la soluzione.

C’è pericolo durante l’allattamento?

Anche in questo caso la caffeina arriva al latte materno e quindi al neonato: per questo alle neo-mamme è consigliato un consumo moderato di caffè e tutti quegli alimenti che possono contenere caffeina, ma senza l’obbligo di privarsene completamente.

E se a questo punto ti è venuta quasi voglia di una (meritata) tazzina di caffè…
Puoi trovare le miscele più selezionate dai migliori torrefattori italiani sullo shop di Officina della Cialda.

Scopri le capsule compatibili con le marche Nespresso, Lavazza Point, Lavazza A Modo Mio, Lavazza Blue, Dolce Gusto, Uno System, Caffitaly e le Cialde di Carta di Officina della Cialda! https://officinadellacialda.it/collections/all

CaffeinaCuriositàGravidanzaScienza